Online: 1 | LOGIN | English

Home Servizi Roster Parters Contatti

Scritti Inversi Naturelfa

RECENSIONE - Su CHI MI AMA MI PRECEDA

2010-02-10 20:59 by elfa (letto 572 volte)
- Uno spettacolo che tocca le note in bemolle.....



Uno spettacolo che tocca le note in bemolle.



Vorresti ridere, ma ti ritrovi a sorridere perché non sei in grado di concederti il tempo, il tempo di una risata, il tempo di un’emozione piena:
il tuo tempo, la tua mente, la tua emotività sono intrappolate dal sottile gioco di Flaiano che ti lascia spalle al muro a fare i conti con la tua coscienza.

A spettacolo terminato cerchi disperatamente una categoria nota a cui ricondurre la tua sensazione.
Non la trovi: è un’emozione nuova, sconosciuta, assomiglia ma non coincide.

Sono impresse in te delle frasi, le cerchi di cogliere nell’etere come farfalle.
Ti sfuggono e ti appassionano come farfalle.
Si imprimono nella tua anima come farfalle.

Un equilibrio grafico, visivo, la regia, le luci, l’essenzialità della scenografia.
Tutte quelle espressioni pregne di significato, quei particolari che si fanno immenso.
Il simbolismo dei gesti e degli oggetti, la bravura degli attori.

Tutto ti rapisce e ti appartiene così tanto che lo vorresti trattenere, ma un attimo dopo è sostituito da un’altra parte del tuo essere, pronta all’interpretazione e al giudizio, a entrare in te come un proiettile per raccontarti dentro la tua società, dentro la tua intimità, nel tuo modo di esprimere e tacere, nel tuo riconoscere e negare.

Un ombrello allungato che esce di scena dopo una confessione a piena faccia, svela che dietro le nostre domande spesso non c’è desiderio di risposta.
Il valore che attribuiamo alla vita ci schiaffeggia nel secondo atto e lascia attoniti.
Buca il nostro stomaco, nell’interpretazione, nel ritmo, nel senso sottile del vivere.
Fogli di giornale svelano una società mai e sempre uguale a se stessa.

Ogni attimo vale uno spettacolo e lo spettacolo è di attimi infiniti.
Mille in uno e, alla fine, nessuno spettacolo, ma in te qualcosa di più, non raccontato, ma sviluppato, non descritto, ma suscitato: Senso Critico.



Desaparecido.

REDAZIONE ELFA
Responsabile Sezione Teatro

Francesca Jacomini

DIREZIONE ARTISTICA: TOMMASO BUSIELLO
WEB PROMOTION BY ELFA PROMOTIONS



 
Mi piace Non mi piace


I PIU' POPOLARI

I PIU' LETTI