Online: 1 | LOGIN | English

Home Servizi Roster Parters Contatti

Scritti Inversi Naturelfa

Recensione di "Amore oltre la vita"

2012-07-31 10:18 by elfa (letto 614 volte)

Una storia dalla trama coinvolgente, intensa, quella che Irene Sparagna narra nel suo "Amore oltre la vita", pubblicato con Edizioni Il Foglio. L'autrice, già nota per le sue opere in poesia, si misura con la scrittura narrativa e puntualmente ci sorprende, aggiungendo un tassello importante alle sue capacità scrittorie.

"Dedico questo libro a mio padre, per tutte le volte che mi ha detto di credere in ciò che sentivo e vedevo e vivevo."

"Amore oltre la vita" si apre con una dedica alla figura paterna, tanto cara alla Sparagna. Traspare un legame indissolubile, un affetto che supera il tempo e che svela una sensibilità umana radicata nell'anima.

Il racconto è un incastro di eventi, di situazioni che amplificano le già complesse vicende della quotidianità. Luciano, il protagonista, vive il dramma di un amore impossibile. Francesca, la donna di cui è innamorato sposa un altro e questa realtà lo tormenta, lo disarma totalmente. Il vero amore non si dimentica mai e Luciano non vuole rinunciare a quel sentimento che gli ha fatto battere il cuore, nonostante sia passato del tempo e lui sia sposato con un'altra donna. Non è casuale la poesia "la voce a te dovuta" di Pedro Solinas che accompagna le volontà del protagonista. I versi contengono infatti elementi della quotidiana relazione umana, che va oltre la presenza fisica. "Luciano era certo che si erano amati già una volta più di un secolo prima, nella Francia della Rivoluzione, dove lei era una dolce Principessa, mentre lui era soltanto un giovane idealista, squattrinato, forse anche troppo giovane per assaporare appieno il gusto della vita." Da questo passaggio si apprende come l'autrice volga lo sguardo ad un pensiero etico sulla reincarnazione, sulla possibilità di rinascita, propria di un credo buddista.

Con costanti flashback rivolti al passato il protragonista traccia un percorso fatto di ricordi, di realtà scolpite, che vengono sottilmente definite in una successione che comprende non solo un tempo cronologico, ma anche un tempo interiore. L'incontro, i primi appuntamenti, il fascino dell'attesa, l'amore svelato, ripetutamente voluto e cercato, la fine della relazione, la morte, la nuova vita, sono circostanze che si svelano di pagina in pagina con linearità e chiarezza.

Irene Sparagna sviluppa un racconto particolarmente toccante, mantenendo una nobile semplicità. C'è in queste pagine una lucidità che affiora, un saper cogliere i valori fondamentali dell'esistenza, la visione di un contatto "sublime" oltre la vita.


a cura di Michela Zanarella





 
Mi piace Non mi piace


I PIU' POPOLARI

I PIU' LETTI