Online: 2 | LOGIN | English

Home Servizi Roster Parters Contatti

Scritti Inversi Naturelfa

Festival di Sanremo 2014 - Terza serata

2014-02-21 02:57 by Lozirion (letto 540 volte)
Arbore accende l'Ariston e Damien Rice lo fa vibrare, una serata decisamente da applausi. La classifica conferma i favoriti

Terza serata del festival di Sanremo, come l'anno scorso le prime ue sono servite soltanto a selezionare i brani in gara tra i due presentati da ogni artista, ora però si entra nel vivo della gara, si esibiscono tutti e 14 i cantanti in gara e speriamo che sia la volta buona perchè la competizione scaldi un po' gli animi e questa kermesse che finora è parsa la più fredda e impacciata di sempre.


Si comincia con un doveroso omaggio, un tributo a Claudio Abbado, morto il 20 gennaio scorso, eseguito dall'orchestra filarmonica della fenice di Venezia. Grande momento di musica, e finalmente un buon inizio dopo tre puntate! Ora però è tempo di cominciare con la gara... Ma non si potrebbe invece ascoltare la filarmonica tutta la sera?


Renzo Rubino - Ora

Rubino piace, il pubblico lo acclama già all'ingresso e lo copre di applausi alla fine, e lui ricambia con una performance decisamente interessante, un pop energico e tanta verve nel suonare il pianoforte. Voto: 6,5 


Giusy Ferreri - Ti porto a cena con me 

La performance migliora rispetto alla prima serata, la voce sembra essere tornata la solita per Giusy Ferreri, cosa che comunque non fa crescere di qualità una canzoncina che non ha assolutamente niente da dire. Voto: 5


Frankie Hi Nrg - Pedala

Cosa ci fa Frankie in doppiopetto?? L'eleganza non serve ai rapper! Ma questo poco conta, l'esibizione è un po' più carica di quella della prima serata, e al secondo ascolto si capisce che il pezzo rischia di diventare uno dei più passati in radio, per quanto il vero Frankie è abbastanza lontano. Voto: 6,5


Rapahel Gualazzi & Bloody Beetroots - Liberi o no

Incredibile, 4 concorrenti di fila, forse Fazio si è deciso a lasciare da parte i sermoni e far parlare un po' la musica! In questo caso la musica è decisamente ottima, e l'esibizione della strana coppia convince ancora di più, gran bel pezzo e gran bello spettacolo! Era ora! Gualazzi e Bloody Beetroots si esibiscono insieme ad un coro gospel vestito di nero con guanti rossi, come tributo allo spettacolo contro la violenza sulle donne di Serena Dandini, "Ferite a morte". Applausi, applausi e ancora applausi. Voto: 8


Cristiano De André - Il cielo è vuoto

De Andrè è l'unico ad ammettere che aveva una vera e propria preferenza tra le due canzoni proposte, e la preferita non era questa, ma il risultato è comunque decisamente godibile, grande interpretazione, complimenti a Cristiano, ma soprattutto agli chef della mensa di Sanremo, cos'hanno dato da mangiare ai cantanti? Sembrano essersi svegliati dal torpore! Voto: 6,5


Giù il sipario, Fazio e la Littizzetto soli sul palco, ok, abbiamo capito, è ora di un altro pippone di San Fabio da Savona.... No, per fortuna mi sbaglio, è il turno di Luciana, che in ogni caso è meglio del suo compagno di palco. Si prosegue sul filone della bellezza, chissà come mai il dubbio che tutto sia una marchetta per il film di Sorrentino, questa idea è venuta solo a me? Comunque il monologo prosegue tra qualche battuta e citazione scontata (Zanardi e Lucia Annibali), l'unica cosa veramente buona del monologo è la nostra Lucianina che dopo aver detto un bel vaffa si rivolge al direttore di Rai 1 dicendo "Hakuna Matata direttore, certe cose si risolvono solo con un vaffa". Siamo lontani dalla miglior Littizzetto comunque... Voto: 6,5


Terminato il monologo è il turno del primo ospite internazionale, Dergin Tokmak, ballerino e acrobata tedesco, diventato famoso per le performance con le stampelle, è l'unico artista tedesco del Cirque du Soleil, e nonostante la poliomelite lo affliga quasi dalla nascita è uno dei più acclamati. Voto: 8


Francesco Sarcina - Nel tuo sorriso

Se già questa canzone aveva convinto poco la prima volta, ad un secondo ascolto diventa quasi fastidiosa, e i vocalizzi dell'ex-vibrazioni certo non aiutano, decisamente sottotono. Voto: 5,5


Ok, qualcuno deve aver dato qualche sostanza stupefacente a Fazio e ai suoi, perchè la serata è diventata divertente! Sul palco sale Flavio Caroli, critico dell'arte che inizia a parlare di "La notte stellata" di Van Gogh, poi dal pubblico uno spettatore urla che al festival ci vuole la musica e non queste cose pallose. Recitazione Fazio non riesce nemmeno un po' a fingere che la cosa non sia organizzata, me l'effetto è comunque ottimo perchè il conduttore scende tra il pubblico, dà il microfono allo spettatore e questo attacca a cantare, arrivano gli agenti della sicurezza e si mettono a cantare pure loro, da qui è il delirio, un flash mob in piena regola con tanto di musica dubstep. Finalmente divertimento a Sanremo! Voto: 8, al pusher, perchè pensare che sia un'idea di Fazio mi riesce difficile...


Perturbazione - L'unica 

Se tutto il festival fosse fatto di canzoni come questa le altre tv potrebbero staccare i ripetitori, di gran lunga meglio della metà delle canzoni in gara e l'esibizione di gran lunga al di sopra della prima, grandi! Voto: 7,5


Francesco Renga -Vivendo adesso

Ok, Renga è già vincitore dall'inizio del festival, e avrebbe anche potuto portare una filastrocca eseguita coi rutti che probabilmente avrebbe lo stesso i favori di critica e pubblico, quand'è che si comincerà a giudicare seriamente la musica? Perchè se così fosse questa canzone di Renga non la farebbero ascoltare nemmeno i paninari fuori dallo stadio... Voto: 4,5


Riccardo Sinigallia - Prima di andare via

Ottima esibizione del cantante, meglio della prima e molto apprezzata dal pubbblico, il livello sale decisamente questa sera, ok, ormai è chiaro che qualcuno è intervenuto, ancora non mi è venuta voglia di cambiare canale... Voto: 6,5


Troppi giovani oggi, e quindi Fabio Fazio detto Amarcord porta sul palco un altro ultrasettantenne, ma questa volta fa la scelta giusta, perchè l'ingresso di Renzo Arbore è la cosa migliore fino ad ora e probabilmente in assoluto di tutto il festival. Arbore è un fuoriclasse, e non c'è nulla da fare, onestamente non capisco perchè il festival non lo diano in mano a lui... Renzo parla a ruota libera della sua carriera, dei compagni di viaggio in televisione e della sua Napoli, ma non annoia per nulla. Fazio, impara come si fa! Però adesso la gente vuole ascoltare la musica del Renzo Nazionale e della sua orchestra italina. La platea balla e batte le mani a tempo, la classe non è acqua, e Arbore è un concentrato di classe, vincitore assoluto della kermesse! Fatelo entrare in gara, vi prego! Vi regalo Renga, Arisa, Giusy Ferreri e una figurina di Baggio del 1991! Ok, gli altri non sono appetibili, ma la figurina di Baggio sì! Voto: 10


Noemi - Bagnati dal sole

Dopo l'esibizione di Arbore potrebbe esibirsi Mick Jagger e avere un cattivo riscontro, figuriamoci Noemi... Questa volta si presenta in abito nero di raso, meglio dell'inguardabile vestito della prima serata, e per questo le siamo grati, ma non basta, la canzone non convince per nulla, anche se l'esibizione è migliore della precedente. Voto: 5


Antonella Ruggiero - Da lontano

Di voci come quella dell'ex-Matia Bazar non ce ne sono molte, questo è più che evidente, ma la canzone è davvero troppo triste! Ridatemi Arboreeee!!!! Voto: 5


Arisa - Controvento

In questa serata pare che tutti si esibiscano meglio della prima volta, e anche per Arisa è così, ma la canzone è comunque di una banalità imbarazzante, e la voce di Arisa è in grado di diventare fastidiosa all'udito dopo due ascolti, quasi un record... Voto: 5


Ron - Sing in the rain

Ma cos'è successo? Hanno deciso di mandarci a dormire tutti? Rosalino Cellamare rischia davvero di diventare il peggior in gara, e dire che di concorrenza ce n'è veramente parecchia! Nella proposta di scambio per Arbore ci metto pure lui!! Voto: 4


Giuliano Palma - Così lontano

Lo stile di Giuliano è sempre il solito, fiati, ritmo, richiami quasi rock e radio-appeal, questo è il prossimo tormentone, sono pronto a scommetterci! Voto: 6,5 


E' il momento di Damien Rice, grande, grandissimo artista, esibizione sentita, vibrante, viscerale, insomma, quando il talento vero sale sul palco è facile rendersene conto! Il quarantenne riesce quasi ad eclissare il successone del settantasettenne Arbore, cosa che comunque non tutti sarebbero in grado di fare, semplicemente splendido. Buone vibrazioni a Sanremo, e visto come era iniziato il festival quest'anno non ci sperava più nessuno... Voto: 8


E' ora di smetterla però di far esibire i giovani a orari impossibili! Non si può dare in pasto le nuove proposte a un pubblico stanco dopo un'intera serata, e soprattutto è ora di smetterla di tirare l'una di notte, qualcuno lo dica a Fazio!! Comunque è il momento dei giovani, ore: 00.25...


Rocco Hunt - Nu juorno buono

Ok, la visione della musica gggiovane della direzione del festival è ufficialmente la stessa di quella di mia nonna, sul palco sale il rapper napoletano che propone una delle cose più banali ascoltate finora, un minestrone di luoghi comuni su Napoli, semplicemente imbarazzante. 4,5


Veronica De Simone - Nuvole che passano

Questa è forse la canzone più sanremese di tutto il festival, più ancora del noioso Renga, ma comunque la voce è buona e un po' di fiducia ai giovani bisogna darla. Voto: 6


The Niro

The Niro tra le nuove proposte e Rubino tra i big? Ma veramente?? Siamo di fronte all'unico concorrente conosciuto all'estero (e acclamato) e lo facciamo esibire tra le nuove proposte all'una di notte?? Scandaloso... La performance comunque non è delle migliori del buon Davide Combusti, ma è al di sopra almeno dei tre quarti di tutte le altre, tanto che perfino la Littizzetto rienta in scena dicendo "Mamma mia che voce!". Voto: 7,5


Vadim - La modernità

Giuro che se questa canzone passa il turno vado personalmente in macchina a Sanremo e mi incateno alla porta del camerino di Vadim. Così almeno non esce più... Voto: 3


Il festival si chiude e per una volta si può dire che lo spettacolo sia valso il prezzo del biglietto. Merito di qualche idea carina come quella del flashmob, di esibizioni migliorate rispetto all'inizio, ma soprattutto degli ospiti, Renzo Arbore su tutti. E' un peccato che gli ospiti finiscano per eclissare la gara, certo è che se la distanza artistica è così ampia è veramente difficle che non sia così... Prima di chiudere Viene annunciata la classifica parziale del televoto, Primo Renga, seconda Arisa e terzo Rubino. Che praticamente è la stessa classifica fatta prima che iniziasse il fesival, l'Italia è veramente un popolo di gente prevedibile... Vabbè, io me ne vado a vedere un concerto di Arbore, che è meglio!

 
Mi piace Non mi piace


I PIU' POPOLARI

I PIU' LETTI