Online: 2 | LOGIN | English

Home Servizi Roster Parters Contatti

Scritti Inversi Naturelfa

Di te dirò.

2013-05-05 01:45 by Gabriele Prignano (letto 507 volte)

Non su carta io scrivo o tela

ma su fragile sabbia

orme pensose perdo,perdo parole

in acqua salmastra  traccio graffiti

ma riccioli di luna m’appaiono labbra tue

perché di luna sei fatta tu

tu luna sei

sapore di silenzioso astro a me doni.

A te vengo ora e te vedo

in languida crema di mare frusciante

fili d’oro e d’argento su odoroso capo

intrecciano danze

e bisbiglia il vento amico

lucido piano è il cielo.

A te ora consegno amara voce

e guardo e tremo e nei tuoi occhi erro

e scorgo

di infinita grazia balsamo e miele

e mare immenso che ai miei piedi stende

taciuto colore di palpitante luna

in cui s’annega luce e vita mia.

Triste annuncio io porgo in mano inferma

finito  il tempo Natura forte reclama

e cosa dunque farò io in eterno

cosa farò io solo in solitaria terra

tra verdi alberi ondeggianti

o solitario navigatore in cieco cielo

tra astri cadenti sorridenti stelle?

Di te inesausto in cielo canterò virtù

di te io narrerò di tua bontà

scintillio di luci d’occhi ridenti

infuocati lapilli che acceso hanno mia vita

bocca scrigno d’allodole e sorrisi

viso di panna e d’incantata stella.

Sereno sarò, sereno e pago

se tuo sorriso sosterrà nude mie ali

nell’infinito nulla

se voce udrò di te e profumo e bacio

di rosee umide labbra

tenere

come carne viva di docile colomba.

 
Mi piace Non mi piace


I PIU' POPOLARI

I PIU' LETTI